alluce storto

L’alluce storto, o valgo, è un disturbo da cui sono colpite specialmente le donne: sembra che possa interessare il 40 % delle donne italiane; non va sottovalutato perché, peggiorando, può causare dolore e infiammazione che arrivano ad interessare tutto il piede, e non solo.

Infatti, i piedi ci consentono di stare diritti e di tenere in perfetto allineamento la colonna vertebrale; un alluce valgo che procura dolore, crea un’andatura anomala, con conseguenze inevitabili e dannose sulla postura, sulle ossa del bacino e sulle gambe.

Questa patologia insorge, generalmente, tra i 40 e i 60 anni e, nelle forme giovanili, anche all’età di 20-25 anni.

Cos’è l’alluce valgo? I sintomi con cui si manifesta

L’alluce valgo è la causa di una deformità del piede, nella parte anteriore, dovuta alla deviazione dell’alluce in direzione delle altre dita; progressivamente, la base dell’alluce, all’altezza del primo metatarso, si sposta verso l’esterno, formando la cosiddetta “cipolla”, una deformazione che, spesso, è interessata dall’infiammazione della borsa mucosa che si trova alla base dell’alluce: la borsite.

L’infiammazione causa dolore e difficoltà, sia in una deambulazione corretta che nell’uso delle scarpe, per lo sfregamento inevitabile a cui la deformazione è sottoposta.

Con il passare del tempo, l’alluce devia sempre di più verso le altre dita del piede e questa situazione può causare una deformità anche nelle altre dita, come il dito a martello, e un dolore molto fastidioso, la metatarsalgia.

Cause

All’origine di questa patologia può esserci un problema causato dalla biomeccanica scorretta del piede, come, ad esempio, nel caso del piede cavo; questo problema, frequente nei bambini e negli adolescenti, si può diagnosticare valutando l’arcata plantare, attraverso l’impronta del piede, con un esame baropodometrico.

Inoltre, alcuni tipi di calzature, sollecitano il piede in modo tale da contribuire al peggioramento del problema. il piede che poggia per terra, senza scarpe, divide il carico del corpo per il 45% sulle dita e per il 55% sul tallone; con un tacco di 9 cm, sull’avampiede grava un carico dell’80% e sul tallone solo del 20%.

Questo spiega perché le scarpe con i tacchi alti contribuiscono ad aggravare l’alluce valgo.

Nell’insorgenza di questa patologia non sono escluse delle cause di natura ereditaria oppure la predisposizione genetica.

Come si effettua la diagnosi

Per poter individuare le cure o i trattamenti necessari, occorre farsi visitare da un ortopedico, il quale eseguirà un esame obiettivo del piede e chiederà di eseguire una radiografia con il carico sul piede, ovvero nella posizione eretta; in questo modo, è possibile definire il grado del valgismo e ricevere le indicazioni sulle cure del caso.

Come si cura

In alcuni casi, quando la patologia è in una fase iniziale, può essere consigliato l’utilizzo di un plantare, per evitare un peggioramento, oppure di un tutore in silicone, per cercare di mantenere l’alluce nella giusta posizione; tuttavia, correggere l’alluce valgo è possibile solo con una delle tecniche chirurgiche che, di volta in volta, vengono scelte in base alla gravità della deformità, all’età e alle condizioni generali del paziente o al fatto che siano interessate altre dita.

Rimedi naturali

Ci sono dei rimedi che consentono di alleviare il dolore dovuto all’alluce valgo; tra questi, può procurare sollievo un unguento o una crema a base di arnica, ricavata da una pianta officinale: riduce dolore e gonfiore, con il suo effetto antinfiammatorio, analgesico e decongestionante.

Con l’argilla verde, dalle note proprietà antiinfiammatorie, mescolandola con poca acqua, si crea un impacco da lasciar agire per 30 minuti: elimina il calore e rilascia ioni; l’olio di ricino, scaldato leggermente e applicato con una garza, stimola la circolazione del sangue, alleviando il dolore: il trattamento può essere ripetuto due-tre volte, quotidianamente.

Qui trovate tutte le  informazioni sull’alluce valgo